I servizi educativi-didattici che il progetto Museo Diffuso Territoriale propone si rivolgono ai ragazzi in età scolastica tra i 14 e i 19 anni, dando loro la possibilità, coinvolgendo le scuole, di partecipare a giornate di simulazione di scavo archeologico e di archeologia sperimentale per introdurli nel mondo dell’archeologia. Questi laboratori sono arricchiti da incontri presso gli istituti stessi dove gli esperti attraverso domande stimolo, powerpoint e brainstorming susciteranno ai giovani interesse e curiosità verso il mondo della storia e dell’archeologia.
Le azioni sono caratterizzate da un momento teorico e uno pratico da svolgersi in 1 e/o 2 giorni.

Le attività proposte sono:

  • La simulazione di scavo

    L’azione avverrà presso il sito archeologico del Pizzo di Ciminna e/o in altri siti del territorio, in collaborazione con la Soprintendenza dei BB.CC.AA. Verrà preparato dagli archeologi un quadrato di circa 2m x2m avente una stratigrafia ricostruita con terra e sabbia con all’interno di essa delle copie di materiale archeologico (seguendo una cronologia a ritroso). Attraverso la tecnica di scavo i ragazzi potranno trovare il materiale nascosto, fotografarlo, lavarlo, inventariarlo.

  • Archeologia Sperimentale

    Consiste in un’attività di manualità per riprodurre fedelmente le varie  tipologie ceramiche, strumenti e utensili che caratterizzarono i diversi periodi storici, ma soprattutto una pratica intesa come sperimentazione, ossia come metodologia d’indagine. Ogni singola fase ripropone gestualità e tecniche appartenute a culture ormai scomparse, per creare un prodotto finito che non verrà definito un falso, ma piuttosto un “vero” ricontestualizzato.

  • Alla scoperta di…

    Questa attività permette agli alunni di avere uno stretto contatto con la natura e di valorizzare il territorio ricco di storia. É una vera e propria escursione in cui  gli esperti  portano gli alunni a  scoprire le testimonianze archeologiche del territorio di Ciminna per mostrare in campo come si svolge una ricognizione e il perché viene fatta, come si legge un territorio e come si possano da esso ricavare dati importanti per la ricerca . Verranno fatti conoscere gli strumenti di lavoro del topografo  e dell’archeologo quali bussola, carte topografiche, schede UT e la metodologia usata.

Gallery